Franco Malerba

#Franco Malerba

Franco Malerba è il primo astronauta italiano: ha volato nello spazio con lo shuttle Atlantis il 31 Luglio 1992, portando nello spazio il laboratorio Eureca ed il “satellite a filo” italiano, detto il “Tethered”. Con lo shuttle Atlantis ha portato la tecnologia italiana al battesimo dello spazio; ha trascorso otto giorni nel cosmo dal 21 luglio all’8 agosto 1992 compiendo 126 orbite attorno al nostro pianeta ed é così diventato uno dei pochi umani che hanno visto la Terra come… un mappamondo.

Franco Malerba è ancora oggi un attore del mondo spaziale ma con attività e ruoli nuovi.

Si propone come Special Guest/Key-note-speaker di convenzioni aziendali, ove interpreta la missione spaziale – simbolo della sfida di frontiera – come archetipo dei valori dell’impegno per obiettivi condivisi, di buone pratiche nel lavoro di equipe, di preparazione rigorosa all’imprevisto e al cambiamento, utilizzando tutte le risorse umane e tecnologiche a disposizione.
Contribuisce alla diffusione della cultura scientifica con l’organizzazione annuale del Festival dello Spazio di Busalla e con la messa in scena dello spettacolo teatrale di parole e musica Viaggio nello Spazio assieme all’Orchestra classica di Alessandria.
Assiste piccole aziende spaziali innovanti europee vincitrici di progetti Europei come Coach della Commissione Europea.
Laureato con lode in ingegneria elettronica ed in fisica all’Università di Genova, ha lavorato in diversi ruoli e responsabilità nella ricerca e nell’industria di alta tecnologia, in Europa e negli Stati Uniti. È stato Ufficiale di Marina di Complemento e ha conseguito un brevetto di pilota privato.

Nella sua carriera Franco Malerba ha realizzato diverse esperienze professionali, nella ricerca accademica – al CNR, ai National Institutes of Health negli Stati Uniti, e all’ESA – e nell’industria con la Digital Equipment nell’informatica e con l’Alenia Spazio nell’aerospaziale.

Eletto Deputato al Parlamento Europeo nella legislatura 1994-99, è stato Relatore per la politica spaziale europea e per il programma di navigazione satellitare GNSS-Galileo.

Nel periodo 2005-2013 è stato Addetto Scientifico del Ministero degli Affari Esteri Italiano alla Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’OCSE e l’ESA e l’AIE a Parigi.

È giornalista pubblicista, collaboratore de La Stampa-Tuttoscienze, del Secolo XIX e del Corriere Innovazione; è autore dei libro “La Vetta/The Summit” e “Professione Astronauta”, che racconto in chiave personale le complessità e l’emozione di conquistare una vetta oltre la Terra e i “dietro le quinte” della missione spaziale che solo chi c’è stato può raccontare.

Membro della prestigiosa Académie de l’Air et de l’Espace.

Ha ricevuto gli onori di “Commendatore” della Repubblica Italiana per meriti scientifici.